Primi piani

Alessandra Giorgi
Glottologia e linguistica

Ci parli di lei: da dove proviene, cosa insegna a Ca’ Foscari, quali sono i suoi interessi e i suoi ambiti di Ricerca.
Mi chiamo Alessandra Giorgi e ho studiato Linguistica alla Sapienza e poi alla Normale di Pisa e al MIT. Mi occupo di Linguistica Teorica e di interfaccia fra il sistema linguistico sintattico e gli aspetti sensomotori (fonologia e prosodia) e gli aspetti concettuali (semantica e forma logica).

Qual è stato il suo percorso accademico?
Laurea in Lettere alla Sapienza, Dottorato in Linguistica alla Normale, con lunghi periodi trascorsi al dipartimento di linguistica del MIT dove insegnava Chomsky. Dal punto di vista della carriera ho cambiato varie sedi: Trento, Catania, Bergamo e Venezia. Ho insegnato per lo più linguistica generale e linguistica teorica. Ho un background anche in linguistica storica, psicolinguistica e linguistica computazionale.

Quali sono i suoi modelli / punti di riferimento professionali?
Noam Chomsky (MIT, Cambridge MA)

Ha sempre pensato che questa fosse la sua strada?
Sì, da quando avevo 20 anni.

Qual è l'aspetto che più l’appassiona del suo ambito di ricerca?
La possibilità di cercare ambiti linguistici poco studiati e vedere cosa la teoria può dirci in quei settori. Trovare soluzioni nuove a problemi vecchi e allargare la conoscenza attuale in modi non previsti.

Cosa significa, per lei, insegnare e fare ricerca?
Fare ricerca in linguistica è parte della mia identità, non è un "lavoro", ma è al tempo stesso un bisogno ed un hobby. Insegnare vuol dire comunicare con i ragazzi, trasmettere nozioni, interesse e passione. Soprattutto fornire un metodo per pensare, per cercare di rompere gli schemi e trovare il "nuovo".

Le soddisfazioni professionali più grandi?
Essere conosciuta all'estero in ambienti anche molto distanti dalla mia specifica cerchia professionale e constatare di essere stata capace di dire qualcosa di interessante anche a persone con un background teorico diverso dal mio.

L’ambito di cui si è sempre voluta occupare ma che non ha ancora avuto occasione di esplorare?
La Fonetica e le sue applicazioni. Non so se mi sarà mai possibile esplorare quel settore, perché è un'area molto specialistica.

Cosa dice ai giovani che cominciano il loro percorso universitario?
Se qualcosa vi piace davvero buttatevi a capofitto e cercate le persone che vi possono aiutare e comunicare entusiasmo e passione. Tenete duro e non fatevi scoraggiare. Siate critici verso voi stessi e cercate di dare il massimo.

E a quelli che si avvicinano alla ricerca oggi?
Avvicinarsi alla ricerca oggi è difficile, perché molto spesso la ricerca è finalizzata ad obiettivi concreti che lasciano poco spazio per la creatività individuale. I finanziamenti, soprattutto in Italia, oltre ad essere con il contagocce, sono volti ad avere risultati a breve, o brevissimo, termine. Questo è molto controproducente. È importante affrontare la ricerca da una parte accettando queste logiche, ma dall'altra cercando di restare intellettualmente liberi ed aperti. Ciò non è facile, ma è indispensabile fare il possibile.

Last update: 21/05/2024