Venezia fra le città vincitrici di New European Bauhaus

Venezia è fra le città vincitrici del bando europeo promosso nell’ambito dell’iniziativa del New European Bauhaus, voluta dall’Unione Europea e nella quale la creatività viene messa al servizio della sostenibilità, della bellezza e dell'inclusione.

L’Università Ca’ Foscari Venezia ha partecipato negli scorsi mesi alla call insieme ad altri 17 partner fra i quali il Técnico - U. Lisbon nel ruolo di coordinatore, atenei svedesi, olandesi, i Comuni di Lisbona, Venezia, Genova, l’Università Iuav, l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale, l’Istituto Italiano di Tecnologia. La proposta progettuale, cui ha lavorato un gruppo multidisciplinare di ricercatrici e ricercatori, ha interpretato gli obiettivi del New European Bauhaus nella prospettiva dei territori costieri europei ed è stata selezionata e finanziata con cinque milioni di euro dalla Commissione Europea.

Per quanto riguarda la città di Venezia la proposta di progetto si è focalizzata su un’area della città, quella di San Basilio e Santa Marta, con una proposta di rigenerazione urbana in un’ottica di innovazione sostenibile. La proposta delinea infatti interventi di recupero e riqualificazione dell’area urbana per riconnettere la città al porto, valorizzare la residenzialità, attrarre nuova cittadinanza e nuove attività. Il team cafoscarino, formato da esperte ed esperti nel campo della sostenibilità, dell’inclusione sociale, delle tecnologie interattive, dell’economia e del management metterà a punto nei prossimi mesi lo studio pilota.

Esprime soddisfazione la Rettrice di Ca’ Foscari Tiziana Lippiello: ««Sono molto lieta che questo progetto abbia meritato il finanziamento europeo: è un esempio concreto di innovazione sostenibile e di collaborazione fra ricercatrici e ricercatori di tutta Europa. L’alleanza fra università è infatti sempre più una priorità dell’agenda europea, di cui dobbiamo saper cogliere l’enorme potenziale. Mi fa piacere che la nostra città abbia saputo rispondere compatta a questa sfida lanciata proprio un anno fa, qui a Venezia, in occasione di un convegno all’Arsenale cui parteciparono ministri, creativi e istituzioni di tutto il mondo».

Federica Scotellaro