AlmaLaurea, Ca’ Foscari spicca per le esperienze di studio all’estero

Il Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea ha presentato oggi il XXIV Rapporto sul Profilo e sulla Condizione occupazionale dei laureati, durante il convegno "Integrazione dei dati e potere informativo. Dalla formazione al mondo del lavoro", organizzato in collaborazione con Alma Mater Studiorum - Università di Bologna e con il sostegno del MUR.

Per il Rapporto sul Profilo dei laureati sono stati intervistati 5.590 cafoscarini e cafoscarine che hanno conseguito il titolo nel 2021.
L’Indagine sulla Condizione occupazionale ha preso invece in considerazione la situazione di 9.381 intervistati, divisi in laureati triennali a un anno dalla laurea e in laureati di secondo livello a 1 e 5 anni dal conseguimento del titolo.

I dati confermano i punti di eccellenza dell’Ateneo con risultati ben sopra la media per i tirocini e le esperienze internazionali.

Rimane alta anche la soddisfazione dei laureati per il rapporto con il corpo docente (89,9%) e più in generale per l’esperienza universitaria nel suo complesso (90,3%).

Infine, a Ca’ Foscari ci si laurea in corso: il 72,1% degli intervistati ha conseguito il titolo nel tempo prestabilito, contro il 60,9% della media nazionale. 

Tirocini ed esperienze internazionali

Anche in questa edizione del Rapporto, i tirocini rimangono una parte fondamentale dell’esperienza universitaria a Ca’ Foscari: l’84,2% degli intervistati ha svolto uno stage riconosciuto dal corso di laurea, contro una media nazionale del 57,1%.

Particolarmente rilevante anche il dato relativo alle esperienze internazionali: il 13,8% dei laureati ha preso parte ad un periodo di studio all’estero, quasi il doppio rispetto alla media italiana dell’8,5%. 

Occupazione

Laureati triennali a un anno dalla laurea

Il 66,4% dei 3.349 laureati di primo livello contattati nel 2021 ha deciso di proseguire il proprio percorso formativo con un corso di secondo livello.

La maggior parte di chi sceglie invece di inserirsi nel mondo del lavoro, risulta occupata dopo un anno: il 71,7% è infatti impegnato in un’attività. 

Laureati magistrali a uno e cinque anni dalla laurea

Tra i 2.149 laureati di secondo livello del 2020 intervistati a un anno dal titolo, il tasso di occupazione arriva al 77,0%, contro una percentuale del 74,6% a livello  nazionale.

A cinque anni dalla laurea magistrale, l’86,8% dei 1.852 intervistati ha trovato un’occupazione. 

Francesca Favaro