Mappe Parlanti e racconti inclusivi: dieci anni di Radio Magica

Fondazione Radio Magica onlus, nata nel 2012 da un percorso per spinoff dell’Università Ca’ Foscari con lo scopo di promuovere una cultura dell’inclusione, è giunta ai suoi dieci anni di vita. Ne ripercorriamo la storia e i valori, guardando alle novità dell’ultimo periodo, insieme alla fondatrice Elena Rocco, ricercatrice in management dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. 

“Radio Magica nasce da un progetto di ricerca universitario e dal desiderio di un bambino speciale amante delle storie. Ho messo a frutto la mia esperienza di ricerca, incentrata sui beni comuni, per creare un bene comune all'insegna dell’accessibilità, per bambini e ragazzi. Radio magica si riferisce  - per citare lo scrittore per bambini Roald Dahl - a una magia molto concreta.” Ci racconta Elena Rocco.

Inclusiva sotto molteplici punti di vista, Radio Magica offre per esempio videostorie nella lingua dei segni italiana (LIS) o che fanno uso della Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA), e utilizza un insieme di simboli e strategie volte a migliorare la comunicazione per persone che hanno difficoltà con i canali comunicativi più comuni. 

“I linguaggi audio e video si combinano insieme: il confine tra i due è sempre più sottile, tanto che si parla ormai di “visual radio”. Abbiamo iniziato prendendo contatti con il mondo dell’editoria per bambini e ragazzi per trasformare storie in racconti audio o audio-video, anche sottotitolati LIS o integrati dall’uso dei simboli CAA. In questo modo le storie possono essere fruite da bambini e ragazzi affetti da autismo o con disturbi dell’apprendimento e bisogni educativi speciali, così come da persone che stanno imparando l’italiano. La multicanalità è alla base di uno dei progetti della nostra Radio: “Libri per tutti”.

Radio Magica pubblica mensilmente nuovi racconti audio e video tratti da libri, per scuole, famiglie, biblioteche e da anni organizza laboratori di radio education nelle scuole (sostenuti dalla Regione Friuli Venezia Giulia), con lo scopo di promuovere inclusività, capacità di ascolto e di lavorare in gruppo. La Fondazione si è aggiudicata il Premio Andersen 2014 come primo progetto web protagonista della promozione della Cultura e della Lettura. 

Le Mappe Parlanti

Nel 2016 Radio Magica ha sviluppato insieme al CISET e all’Università di Udine, con la collaborazione della prof.ssa Antonina Dattolo che dirige il SASWeb Lab dell'Università degli Studi di Udine, la piattaforma digitale #smARTradio con le Mappe Parlanti, per divulgare il patrimonio culturale italiano in ottica accessibile e innovativa. L’iniziativa si ispira a un programma radiofonico di fama internazionale: “La storia del mondo in centro oggetti”, realizzato dalla BBC e dal British Museum nel 2012, che raccontava la storia di cento preziosi oggetti custoditi nel prestigioso museo di Londra. Nel 2019 e nel 2021 #smARTradio e Mappe Parlanti hanno vinto il primo premio «Global Junior Challenge Premio Tullio De Mauro alla Scuola che Innova e Include».

“Raccontiamo luoghi di interesse del nostro territorio in modo “smart”, attraverso diversi linguaggi: narrazione, fumetto, disegno animato, lingua dei segni, per raggiungere trasversalmente pubblici diversi. La complementarità dei linguaggi e la possibilità di ascoltare o guardare lo stesso racconto in diversi formati rende la piattaforma e i suoi contenuti particolarmente accessibili. Uno sforzo particolare è stato fatto anche nella scrittura, grazie alla consulenza di un'équipe italo-svizzera esperta di accessibilità linguistica, che affianca gli autori e gli illustratori. La piattaforma #smARTradio ospita tre tipi di contenuti: Mappe Parlanti, storie e curiosità. Le Mappe Parlanti sono collezioni di storie e curiosità dedicate a uno specifico territorio. Le storie sono singoli racconti d’autore dedicati a oggetti del patrimonio culturale. Le curiosità sono approfondimenti dedicati agli oggetti sotto forma di domanda-risposta. I contenuti sono disponibili in formato audio con testo ad alta leggibilità scaricabile in formato pdf, alcuni vengono trasformati in video con animazioni d’autore e sottotitolazione o affiancati dalla LIS. I linguaggi sono adatti ai bambini, ma i contenuti sono stati selezionati da esperti del settore, per “parlare” a diverse fasce d’età. Si tratta di un prodotto divulgativo originale e accessibile, adatto anche a persone che non padroneggiano perfettamente la lingua italiana, destinato a crescere sia a livello regionale che nazionale e internazionale”. 

Le Mappe Parlanti, oltre a essere uno strumento utile per il turismo, hanno contribuito durante la pandemia a sopperire all’impossibilità fisica di spostarsi, permettendo di organizzare gite scolastiche online, con guide preposte a rendere fruibile il materiale audio-video e a preparare quiz interattivi. 

“Gli insegnanti che hanno preso parte a queste attività, oltre 110, hanno sottolineato come le visite virtuali potranno essere un valido strumento integrativo, in futuro, da affiancare a quelle in presenza, offrendo una modalità aggiuntiva e innovativa per conoscere il patrimonio culturale italiano”.

Tra le iniziative del 2020/21 di Radio Magica ricordiamo Penne d'oca, un programma radiofonico in cui bambini e ragazzi realizzano interviste con autori di narrativa, sotto la guida dei propri insegnanti.

Tra i progetti futuri, si prevede la realizzazione di contenuti audio-video dedicati alla Pimpa  - il celebre cagnolino a pois del fumettista Altan, simbolo dell’inclusione - integrati da LIS e CAA.

Federica Biscardi