Documentario sulla realizzazione de "La città deserta" online il 22 aprile

A ottobre 2020 si è concluso il progetto Mosca-Parigi-Mosca, ideato e curato da Silvia Piovan di Teatro Ca’ Foscari, le cui fasi sono state anche illustrate in un documentario di Samuele Cherubini, che include un’intervista all’attrice. Il documentario sarà visibile dal 22 aprile sul canale youcafoscari.

Il progetto è stato sviluppato attraverso due laboratori organizzati dal Teatro Ca’ Foscari, in un percorso di formazione a distanza che accompagnasse gli studenti durante il periodo del lockdown. Con loro, Silvia Piovan ha affrontato il lavoro alla base delle successive brevi prove a porte chiuse, che si è concluso con la registrazione del corto teatrale La città deserta, omaggio alle poetesse russe Anna Achmatova, Marina Cvetaeva e Lidija Čukovskaja. Durante il primo laboratorio online (quattro incontri, svoltisi tra 1 e 10 luglio 2020), Silvia Piovan ha analizzato estratti da opere di Irene Némirovsky, Marina Cvetaeva, Anna Achmatova e Lidija Čukovskaja, fornendo anche dei semplici accorgimenti per migliorare la lettura ad alta voce per restituire i contenuti dei testi con maggior chiarezza ed efficacia. Questo primo percorso si è concluso con il cimentarsi degli studenti, sotto la guida di Silvia Piovan, in un esperimento di scrittura drammatica.

Il secondo laboratorio online (tre incontri, 18-20 novembre 2020), invece, ha affrontato nello specifico l’analisi di alcuni testi di Achmatova, Cvetaeva e Čukovskaja in funzione di una scrittura scenica liberamente ispirata alle loro opere. Alla stesura dei testi hanno contribuito i partecipanti al laboratorio, delle cui suggestioni Silvia Piovan ha tenuto conto per comporre la sceneggiatura del corto teatrale La città deserta. Il laboratorio è stato un esperimento che ha permesso agli studenti e all’attrice di condividere l’intero processo creativo: Silvia Piovan ha lavorato a porte chiuse sul palco del Teatro Ca’ Foscari e i partecipanti hanno potuto osservare da remoto il realizzarsi della drammaturgia attraverso il corpo scenico dell’attrice, diventando quindi partecipi dei meccanismi che conducono alla creazione artistica.

Successivamente, l’attrice e autrice ha lavorato, durante una residenza a porte chiuse, all’allestimento scenico finalizzato al corto teatrale La città deserta (diffuso dal 23 al 25 marzo 2021), con il supporto del regista Gaudi Tione Fanelli, del fonico Roberto Barcaro, del filmmaker Samuele Cherubini, del fotografo Giovanni Tomassetti. L’importanza del progetto sta proprio nelle varie fasi generative che sono poi converse nel video artistico, a dimostrazione del fatto che la ricerca e la sperimentazione costituiscono la nervatura delle attività del Teatro Ca’ Foscari.

Rachele Svetlana Bassan