Cina e Stati Uniti: nuovi equilibri nel sistema finanziario globale

Un progetto di ricerca congiunto che coinvolge l'Università Ca' Foscari Venezia, la Goethe University di Francoforte, il Massachusetts Institute of Technology, l'University of Massachusetts ad Amherst e l'Università di Stoccolma, esamina se e come sta cambiando il ruolo degli Stati Uniti nel sistema finanziario globale. Il team internazionale propone un nuovo approccio per comprendere come la Cina e altri paesi siano ora direttamente in competizione per il ruolo dominante a livello finanziario e i risultati vengono presentati alla conferenza Kiel-CEPR su Geopolitica e Economia

Il ruolo di primo piano degli Stati Uniti come unica forza dominante nel sistema finanziario globale sta cambiando. Il conflitto commerciale con la Cina, sotto l'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel 2018, e lo scoppio della pandemia di COVID-19 hanno ridotto l'attenzione sugli Stati Uniti nei mercati finanziari globali. Allo stesso tempo, la Cina si sta affermando come la seconda potenza di mercato chiave nel definire le dinamiche nei centri finanziari globali. La guerra in Ucraina e la crisi energetica in corso favoriscono ancor di più tali dinamiche e la spinta verso un mondo bipolare o multipolare.

Questa è l'analisi condotta da un team internazionale di ricercatori sulla base di dati di negoziazione di borsa minuto per minuto.

"La nostra analisi mostra che gli Stati Uniti hanno perso il loro vantaggio globale negli ultimi anni", afferma Loriana Pelizzon, professoressa di finanza all'Università Ca' Foscari e direttrice del Centro SAFE della Goethe University di Francoforte, uno degli autori della ricerca. "A partire dal 2015 emergono anche altri Paesi e assumono ruoli di primo piano, aumentando la probabilità di nuove posizioni centrali nella fitta rete di relazioni finanziarie e la Cina a più riprese appare un nuova autorità centrale".

Monica Billio dell'Università Ca' Foscari di Venezia, Andrew W. Lo del Massachusetts Institute of Technology, Mila Getmansky Sherman dell'Università del Massachusetts ad Amherst, Loriana Pelizzon della Goethe University di Francoforte e Abalfazl Zareei dell'Università di Stoccolma, analizzano i rendimenti della borsa valori più grande del mondo, la Borsa di New York (NYSE), dal 2012 al 2020 su dodici fondi negoziati in borsa (ETF) specifici per paese. “Utilizzando dati ad alta frequenza, siamo in grado di stabilire il quadro dell'intera rete che definisce il sistema finanziario globale in un dato momento. Possiamo quindi visualizzare la risposta del sistema a "innovazioni" come guerre commerciali e Covid-19 e altri focolai, consentendo una visione più approfondita delle dinamiche globali", aggiunge Monica Billio.

I risultati mostrano che la Cina, con l'introduzione dei dazi statunitensi sulle importazioni cinesi nella primavera del 2018, ha assunto almeno una posizione di parità con gli Stati Uniti come potenza economica. Questa situazione è stata ulteriormente rafforzata dall'inizio della pandemia nella primavera del 2020. Con fenomeni sia politici che epidemiologici, i paesi europei sono diventati anche più rilevanti dal punto di vista finanziario, soprattutto durante la pandemia. Oltre a Stati Uniti e Cina, l’analisi includeva infatti i dati ad alta frequenza degli ETF di Australia, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Paesi Bassi, Svezia, Svizzera e Regno Unito. "Come centro finanziario, tuttavia, l'Europa è così frammentata che non fa da contrappeso al duopolio emergente tra Stati Uniti e Cina", affermano Billio e Pelizzon.

I ricercatori sottolineano che la centralità della Cina è un fenomeno recente e può essere transitorio, ma sta certamente evolvendo con l'attuale crisi energetica. Pertanto, il tempo dirà se il sistema finanziario globale stia diventando bipolare o multipolare e il ruolo degli Stati Uniti nelle dinamiche finanziarie globali.

"È preoccupante, tuttavia, che una delle prime indicazioni di un nuovo sistema finanziario bipolare abbia coinciso con il rapporto teso tra Stati Uniti e Cina, in un momento in cui la collaborazione scientifica tra le nazioni era particolarmente necessaria per combattere la pandemia. La situazione attuale rafforza le preoccupazioni e la necessità di un'analisi più approfondita per vedere se la "trappola di Tucidide", ovvero la tendenza ai conflitti quando una potenza emergente minaccia di sostituire un egemone internazionale esistente, può essere prevenuta. Mentre passiamo da un mondo unipolare a uno bipolare o multipolare, sarebbe importante prevenire un'ulteriore escalation della tensione. Noi come individui e paesi dobbiamo adattarci a una realtà mutevole di riallineamenti globali nel mondo post-COVID", affermano i ricercatori.

Federica Ferrarin