Ca’ Foscari finanzia la ricerca di eccellenza: SPIN 2022

Ca’ Foscari torna a finanziare la ricerca di eccellenza attraverso il bando Supporting Principal Investigators (SPIN), che punta a creare le migliori opportunità per i cafoscarini che intendono puntare ai più competitivi finanziamenti europei.

Un investimento di 250mila euro, su fondi interamente di Ateneo, è in programma per questa prima call SPIN 2022, che rimane aperta fino al 14 giugno 2022. I destinatari sono ricercatori e ricercatrici, professori e professoresse di Ca’ Foscari che intendono sviluppare e coordinare un progetto di ricerca di rilevanza internazionale, che sia in grado di condurre a nuove linee di ricerca e di collaborazione internazionale e rafforzare le capacità progettuali, per consentire la partecipazione ad eventuali bandi competitivi.

All’ultima call di ottobre 2021 sono risultati vincitori 12 progetti fortemente innovativi e internazionali, che spaziano dall’ambito del diritto internazionale e della sostenibilità ambientale ed economica, all’informatica, la robotica e la paleografia.

Qualche esempio? il progetto di diritto internazionale sviluppato da An Jong-Chol IL and Korea - From European International Law to Asian One: Korean Experience, 1880s-1940s, che guarda al ruolo della Corea, trascurato dalla letteratura, all’interno di società internazionali di stampo fortemente eurocentrico; il progetto WESTEN - Towards a Connected Business History of Europe: The Westen Group di Giovanni Favero, sulla deindustrializzazione europea, che considera risposte imprenditoriali e politiche locali nel processo di cambiamento e crisi industriale, attraverso una prospettiva storico-geografica ampia e un approccio particolaristico, anche in Europa centrale, orientale e meridionale. In ottica di economia circolare e “zero-waste” spicca il progetto di Francesco Valentino VALORBIO - VALorization of urban ORganic waste into BIO-products, che si occupa della trasformazione e valorizzazione di rifiuti alimentari, ma non mancano i progetti in ambito umanistico come ME.MO.R.I.A. - Medieval Mural Mosaics in Italy: Rediscovering in Absentia (material, figurative and written traces) di Simone Piazza, che studia la memoria dei mosaici medievali perduti proponendo un approccio interdisciplinare per creare una banca dati e una visualizzazione 2D e 3D di ciò che è andato perduto.

Federica Biscardi