Nuova sede per il Campus di Treviso, il progetto di Ca' Foscari e Comune

Il Consiglio Comunale di Treviso ha approvato all’unanimità l’atto di indirizzo e l’avvio del procedimento con l’Università Ca’ Foscari e Ipab Turazza per la realizzazione della sede universitaria nell’immobile ex-Turazza. Dal 2024, l'edificio ospiterà la Scuola in Economia, Lingue e Imprenditorialità per gli scambi internazionali.

In base all’accordo, al Comune di Treviso verrà ceduto il diritto d’uso della sede Ipab in zona San Nicolò per una durata di trent’anni, per gli utilizzi da parte dell’Università Ca’ Foscari.

L’Amministrazione comunale attuerà una serie di investimenti per la sistemazione e adeguamento dell’edificio. Ca’ Foscari sosterrà poi i costi di allestimento della sede in modo funzionale alle esigenze didattiche, la manutenzione ordinaria e la gestione della stessa.

"Ca' Foscari è presente a Treviso da oltre 25 anni con corsi di area economica e linguistica e più recentemente anche con un corso in Biotecnologie per l'ambiente e lo sviluppo sostenibile. Da qualche anno è inoltre presente il Ciset, il Centro internazionale di studi sull'economia del turismo", ha dichiarato la Rettrice Tiziana Lippiello.

"Crediamo molto in questo nuovo progetto all'Ipab-Turazza attraverso il quale auspichiamo di consolidare la nostra presenza in città sviluppando la residenzialità, la didattica innovativa e le relazioni con il territorio in un'ottica sempre più internazionale che è da sempre la vocazione di Ca' Foscari. Grazie alla proficua collaborazione con l'Amministrazione Comunale, che ringrazio, daremo nuove opportunità ai nostri oltre 1500 studenti che frequentano i corsi di Treviso all'interno di un vero e proprio Campus. I nostri studenti amano molto questa città e le sue bellezze e sono certa che questo progetto saprà attrarre nuovi studenti anche dall'estero".

Il sindaco di Treviso Mario Conte: "Questa è una giornata che segna la storia della Città, sia perché confermiamo la presenza di Ca’ Foscari a Treviso, sia perché il Comune si siede finalmente al tavolo con le Università, diventando interlocutore diretto per definire il futuro e realizzare strutture, aumentare l’offerta per chi frequenta la città per motivi di studio come alloggi e studentati e implementare i servizi collegati. Ogni progetto dell’Amministrazione avrà al centro la città universitaria e i ragazzi. Ringrazio di cuore la Rettrice Tiziana Lippiello per aver creduto nella voglia della Città di investire sulla dimensione universitaria. Con orgoglio dico che ci stiamo prendendo una responsabilità per una cifra che sfiora i 20 milioni di euro visto che anche l’ex Caserma Salsa avrà una destinazione legata ai giovani universitari, dedicati proprio al tema dello studio e della formazione, a conferma quanto di quanto sia importante per Treviso ospitare le Università Ca’ Foscari e di Padova, che saranno protagoniste nella nuova Fondazione che tratterà i temi ambientali, promuovendo progettualità, opportunità di ricerca e buone pratiche".