Innovazione e sostenibilità, ecco l'associazione Ca’ Foscari for SDGs

“Creare un movimento studentesco che faccia la differenza nel mondo dei grandi” - questo è l’obiettivo di Gianluca Freddi, studente della laurea magistrale in Relazioni Internazionali Comparate, co-fondatore, assieme ad Eleonora Bosio, e presidente della neonata associazione studentesca Ca’ Foscari for SDGs.

L’interesse di Gianluca per la sostenibilità nasce durante gli anni dell’università e si traduce anche in un progetto di startup “LastK0ll”, idea basata sull’economia circolare e sulla riduzione degli sprechi nel mondo della grande distribuzione.
A conferma del potenziale di questo progetto, la tesi magistrale che ne consegue viene premiata con uno dei prestigiosi riconoscimenti assegnati dal Comitato Leonardo, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Come è nata quindi l’idea di mettere in piedi un’associazione studentesca da zero? Terminata la laurea magistrale in “Economia e diritto per le imprese e le pubbliche amministrazioni” all’Università di Modena e Reggio Emilia, Gianluca si rende conto che il mondo del lavoro va a una velocità diversa rispetto al mondo universitario. 

“Nonostante il mio successo in ambito accademico, le porte hanno iniziato a chiudersi. Ho cominciato quindi a ripensare al ruolo dell’università e alle risorse che offre per sviluppare idee in grado di fare la differenza. Da qui la mia iscrizione a Ca’ Foscari, per una seconda magistrale che mi desse la possibilità di esplorare il mio interesse per i temi della sostenibilità e dell’internazionalizzazione”.

“L’Università però non è solo studio, ma è fatta anche di connessioni, esperienze e scambi di idee. Sfruttando le possibilità offerte da Ca’ Foscari, ho deciso quindi di dare vita a un’associazione che possa fare da ponte tra studenti e mondo lavorativo, sempre con un occhio alla sostenibilità.”

Così è nata Ca’ Foscari for SDGs (Sustainable Development Goals), un ambiente interdisciplinare e informale in grado di far emergere idee e progetti innovativi, fornendo allo stesso tempo ai propri membri strumenti e skills mirate, opportunità di formazione professionale e di collaborazione in progetti innovativi.

“L’obiettivo è quello di creare uno spazio di transizione, che permetta agli studenti di ‘testare’ il mondo del lavoro, ma anche di dare visibilità alle loro idee e di far sentire la propria voce. Crediamo fermamente che la partecipazione universitaria sia indispensabile per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile proposti dalle Nazioni Unite nell’Agenda 2030”

Il movimento di idee e persone si affianca quindi ad una piattaforma che raccoglie tutte le opportunità per studenti legate ai vari ‘goals’ dell’Agenda 2030, come tirocini, progetti di volontariato e premi di laurea.

“Al momento l’associazione conta quasi 30 studenti cafoscarini magistrali, divisi in 5 aree di lavoro che vanno dal brand management alla comunicazione. Speriamo di accogliere presto anche studenti triennali e di dare vita in futuro ad un vero e proprio movimento interuniversitario in grado di promuovere la sostenibilità, la democrazia, lo studio e la tutela dei diritti umani, civili e politici.”

Vuoi conoscere meglio Ca’ Foscari for SDGs e scoprire di quali progetti si occupa? Partecipa all’evento di presentazione online in programma per giovedì 30 settembre, alle ore 18.30.

Francesca Favaro