Addio a Stuart J. Woolf, professore emerito di Storia Contemporanea

Lo scorso 1 maggio, è venuto a mancare Stuart J. Woolf, professore emerito di storia contemporanea a Ca’ Foscari, dove ha insegnato dal 1996 al 2006.
Nato a Londra nel 1936, dopo aver conseguito laurea e dottorato di ricerca all'Università di Oxford, ha successivamente svolto attività di docenza presso le università di Cambridge (dove è stato inoltre Direttore del Centre for Advanced Study of Italian Society), Reading, Essex e, dal 1983 al 1992, presso l'Istituto Universitario Europeo (San Domenico di Fiesole). Ha insegnato per brevi periodi anche alla Columbia University (New York), all’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales (Parigi) e in più università in Spagna, Portogallo e Australia.

Persona di intelligenza brillante e di indubbie qualità umane, sul piano scientifico è stato uno storico di grande spessore. Le sue ricerche, incentrate sulla storia politico-sociale dei periodi moderno e contemporaneo, si sono rivolte all'Italia e alla Francia, e in modo particolare alla storia comparata dell'Europa, nello specifico su temi come Risorgimento, Napoleone, la povertà, i nazionalismi, il fascismo e l'Italia repubblicana.
Tra le altre iniziative, nel primo decennio del nostro secolo ha coordinato, sempre a Ca' Foscari, lo European Doctorate in the Social History of Europe and the Mediterranean Building on the Past, che ha visto coinvolti dottorati di ricerca in storia di dieci Paesi europei.

Nel 2003 la British Academy gli ha attribuito la Serena Medal per i suoi contributi alla storia e alla cultura italiana.

Tra il 2008 e il 2012, il prof. Woolf ha donato parte della sua biblioteca personale alla Biblioteca di Area Umanistica (BAUM) dell'Università Ca' Foscari. La collezione comprende circa 4000 volumi (tra cui un centinaio di libri rari, editi tra 1831 e il 1889) e 21 titoli di riviste, La selezione di documenti, parte in lingua italiana e parte in inglese, riflette gli interessi disciplinari dello storico, avendo come focus la storia europea del primo Novecento, con particolare riguardo alla storia dei regimi totalitari e dei movimenti nazionalistici.

Francesca Favaro